Volume corpuscolare medio

Le analisi del sangue sono composte da particolari tipi di accertamenti da eseguire periodicamente, al fine di tenere sempre sotto controllo le condizioni generali di salute. Il quadro d’analisi maggiormente richiesto per accertare un adeguato stato di salute fisico è l’emocromo.

L’esame emocromocitometrico

L’emocromo, definito dai professionisti esame emocromocitometrico, si esegue per determinare, in ciascuna persona, le esatte quantità di leucociti, eritrociti, globuli rossi e piastrine contenute nel sangue, stabilendo anche gli indispensabili valori relativi all’emoglobina e al volume corpuscolare medio, equivalente alla quantità di eritrociti presenti nel sangue. Per eseguire correttamente questo particolare tipo di analisi è necessario un prelievo di alcuni millilitri di sangue, da estrarre attraverso le vene superficiali nel giro di pochi istanti. Il campione sottoposto a prelievo viene analizzato in modo istantaneo, oppure trasferito presso il più vicino centro analisi specializzato per uno studio appropriato dei valori. Attraverso un procedimento che i medici definiscono “impedenziometrico ” sarà possibile stabilire i parametri che determinano o meno un corretto stato di salute fisico.

Le apparecchiature

Le apparecchiature maggiormente utilizzate per analizzare più da vicino le componenti del sangue sono indispensabili per compiere un approfondimento all’insegna della professionalità e della sana scrupolosità. Il contaglobuli, ad esempio, detto anche contatore di Coulter è uno dei principali strumenti atti a differenziare, secondo il metodo medico-scientifico, la natura delle cellule del sangue. Tale strumentazione prende il nome dal suo ideatore, il dottor Wallace Coulter il quale, con arguzia, senso pratico e immenso amore per la professione svolta, ha fatto registrare progressi fondamentali nel settore della medicina a trecentosessanta gradi.

Come funziona il contaglobuli

Il contaglobuli ha una struttura ben precisa, attraverso la quale personale altamente qualificato assume il compito di definire, con garbo e attenzione, quali sono i parametri relativi ai valori stabilito da un classico esame ematochimico.
Il fluido introdotto delicatamente all’interno di una sorta di vortice scorre attraverso specifici fuori, a ridosso dei quali sono inseriti degli elettrodi, veri e propri responsabili del rilevamento dettagliato di tutte quelle informazioni che riguardano le cellule del sangue.

Il progresso scientifico e l’innovazione tecnologica

Le tecniche e i metodi principalmente adoperati per il rilevamento dei parametri cellulari sono passati, negli anni, attraverso fondamentali periodi di industrializzazione e di progresso scientifico. Un importante passo in avanti si è registrato, in questo senso, sul modo di adoperare l’apparecchiatura, il quale ha consentito agli esperti di quantificare con certezza ogni singolo elemento contenuto nel tessuto connettivo. Così, attraverso un inedito sistema di luci sperimentato direttamente dai ricercatori più arguti, si è arrivati a stabilire, infine, per ogni esame del sangue, la corretta differenziazione di ogni cellula, ottenendo così la formula leucocitaria, quadro d’insieme indispensabile per dare il via ad ulteriori esami di laboratorio.